SARDINE & CO. LA SALUTE IN TAVOLA

Hanno il dorso blu scuro e il ventre color argento. Popolano i nostri mari, soprattutto le coste del Mediterraneo, e quando nuotano lo fanno in branco lanciando riflessi che ricordano quelli del mare. Dalle sarde agli sgombri, dalle acciughe ai tonni fino al pesce spada, il pesce azzurro, in tutte le sue varietà, arriva sulle nostre tavole in abbondanza, perché economico e molto apprezzato in cucina grazie alle qualità nutrizionali delle carni. Il pesce azzurro, infatti, ha una composizione di tutto rispetto dal punto di vista nutrizionale in quanto, oltre a contenere proteine a elevato valore biologico simili a quelle della carne e delle uova, è ricco di sali minerali, tra cui selenio, un efficace antiossidante, calcio, fosforo, ferro e iodio e garantiscono, inoltre, un pieno di vitamine, in particolare A e B. Ma la caratteristica che rende il pesce azzurro un vero e proprio alleato del cuore è la particolare ricchezza di acidi grassi polinsaturi, soprattutto gli omega 3, decisivi nella prevenzione delle malattie cardiocircolatorie e nel ridurre i processi infiammatori grazie ad un’azione antiaterosclerotica che ripulisce il sangue dai trigliceridi. Il pesce azzurro è, inoltre, facilmente digeribile e poco calorico (100 grammi forniscono in media 90-120 Kcal, ad eccezione dello sgombro che arriva a 170 Kcal) ed è un ottimo alleato delle donne per la prevenzione dell’odiata cellulite e aiuta a combattere l’obesità. Recenti studi hanno anche comprovato che il pesce azzurro, se consumato regolarmente, è in grado di proteggere dall’insorgere della demenza e dell’Alzheimer e può prevenire l’ictus. Insomma, questo varietà di pesce è una vera fonte di salute e benessere, nonché un alimento facile da cucinare.

LE VARIETA’ DI PESCE AZZURRO

A seguire le varietà più note di pesce azzurro: